7.12.10

[RiR] Sherlock - quello inglese


C'è stato il film di Guy Ritchie, e ho pensato: "Però, non male questo Sherlock Holmes poi Robert Downey Jr. che fa Holmes, Jude Law che fa Watson... hanno pure fatto un bel lavoro di adattamento. Insomma sì, ci sta."
E io con Sherlock Holmes ci sono cresciuto. E' una di quelle cose che, assieme ai romanzi di Verne, hanno segnato le mie letture da bambino. Quindi sì, so di cosa sto parlando. E mi aspettavo già che non fosse cocainomane (figurati, blockbuster hollywoodiano) e che non dicesse "elementare Watson".
Quindi ok, bravo Ritchie e assolutamente consigliato il suo film. Niente per cui strapparsi i capelli ma me lo sono goduto.
Poi ho visto la serie Sherlock della BBC.
Scritta da Steven Moffat & Mark Gatiss già colpevoli del nuovo Doctor Who (ma sono solo io che sulla faccia della terra non ha mai visto una puntata de 'sta benedetta serie?) con Benedict Cumberbatch a fare Sherlock e Martin Freeman a interpretare Watson.
E non c'è niente da fare. I britannici ne sanno di Holmes, oh se ne sanno.
La serie è ambientata ai giorni nostri, Sherlock usa uno smartphone, la regia aiuta le deduzioni dello spettatore lavorando con scritte in sovrimpressione che ci sottolineano i fatti che Sherlock ci riassumerà poi in maniera strabiliante sul sito web The Science of Deduction. Watson ha partecipato alla guerra in Afghanistan (l'ultima guerra in Afghanistan, tanto per ricordarci da quanto tempo l'Europa prima, i sovietici poi e l'America dulcis in fundo siano andati a far danni da quelle parti) e apre un blog per riprendersi dal trauma psicologico.
Un prodotto lontano anni luce dal canone di Sir Arthur Conana Doyle per ambientazione e epoca storica, ma molto più vicino nello spirito allo Sherlock originale, molto meglio costruito sul rapporto Holmes-Watson e in cui il puro british style di Holmes prorompe da ogni singola inquadratura.
La serie è composta da tre puntate da un'ora e mezza (tre lungometraggi in pratica) di altissimo livello, per scrittura, regia, fotografia, recitazione e montaggio. Assolutamente consigliata insomma, e non fatemi scrivere di più altrimenti il rischio spoiler sale vertiginosamente.
E sì, hanno confermato Sherlock Holmes 2 di Guy Ritchie... ma hanno anche confermato la seconda serie dello Sherlock con Cumberbatch!
E io, stavolta, tifo decisamente per l'Union Jack.

2 commenti:

  1. Ho visto proprio ieri il primo episodio..
    direi un prodotto di qualità, se non fosse che:
    il ragazzino chiacchiera troppo e l'unica mossa veramnete "intelligente"
    di tutto l'episodio la fa Watson che risolve la situazione
    con un unico colpo (per altro magistralmente assestato) di pistola.
    Per il film con Robert Downey Jr. mi trovi d'accordo.

    RispondiElimina
  2. Bè, il fatto che Watson spari mentre Sherlock chiacchieri l'ho visto molto "nei personaggi", almeno di come li hanno impostati nella serie.

    RispondiElimina